Archivi categoria: Tav. Architettoniche in versi

La fratellanza è solo un falso ?

La fratellanza è solo un falso ? Bruciati sono i sogni con le delusioni, che amare sono e fanno ancora male. Crollati i falsi miti e le illusioni, mortificato il trepido ideale, t’accorgi che la fratellanza è spesso un falso, … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

Dicembre

Dicembre Il sole, che il grand’arco ha già lasciato, con il solstizio segna breve luce. In una grotta un Seme è germogliato: ma al colle-cranio croce lo conduce. Sotto la neve il campo dorme lento: muore ogni chicco per ridare … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

LA MORTE ovvero LA FREGATURA

Passato Paolo in un’altra dimensione, in questo finir d’anno mi assumo io l’incarico di ricordare Marcello Fabbri con una poesia,una delle poche formulate in modo scherzoso, che affronta il problema dell’aldilà: quanti di noi si sono posti la fatidica domanda: … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

Solstizio d’inverno

Ἐν ἀρχῇ ἦν ὁ λόγος, καὶ ὁ λόγος ἦν πρὸς τὸν θεόν, καὶ θεὸς ἦν ὁ λόγος. “Nel principio c’era il Logos e il Logos era presso Dio e il Logos era Dio.” (incipit Vangelo di Giovanni) Nell’infinito spazio senza … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

Le stelle tremolanti

Le stelle tremolanti tra i rami di un carrubo antico Le luci che s’accendono in città, già stinto ad occidente il rosso sanguinoso del tramonto, mi danno opacità e m’abbuiano le stelle. La Luna prepotente ombre mi crea e strane … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

CASO o CAOS ?

L’abete antico con la chioma detta il ritmo del ponente vento a sera e l’oleandro in fiore fa civetta sporgendosi nel lago a primavera. Le Dolomiti dai crinali rosa, l’immagine riflessa giù nel lago, come gran dama quasi che si … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

L’amplesso del mare

L’amplesso del mare La sera il mare calmo, con la brezza, lambisce lieve la sua amata riva. Ogni riflusso sembra una carezza per chi gli è accanto come amante viva. Se poi le onde le rinforza il vento, carezze audaci … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

Ode a Taranto

Ode a Taranto Taranto mia, su due mari posta, chi da lontane terre a te vi giunge l’azzurro del tuo mare ammira e sosta. Il ponte che t’unisce al vecchio borgo superbo s’apre e transita il Vespucci: e bianche vele … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

Tramonto sullo stretto di Messina

Tramonto sullo stretto di Messina Tramonto il sole là, verso Messina col rosso fuoco, come se Vulcano, con l’Etna e lo Stromboli in combina, lanciassero il colore a piena mano. Bagliori arcani di color cangianti, riverberi iridati giù nel mare, … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

Palindromi – Curiosità letterarie

Palindromi – Curiosità letterarie I Tropici: Mamma, mi ci porti? O Sole giammai geloso Sorelle dell’eros Amo Roma Eco vana voce E se l’apocope è poco palese? E’ fedel, non lede fé I topi non avevano nipoti Palindromi in latino … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento