Archivi categoria: Tav. Architettoniche in versi

L’amplesso del mare

L’amplesso del mare La sera il mare calmo, con la brezza, lambisce lieve la sua amata riva. Ogni riflusso sembra una carezza per chi gli è accanto come amante viva. Se poi le onde le rinforza il vento, carezze audaci … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

Ode a Taranto

Ode a Taranto Taranto mia, su due mari posta, chi da lontane terre a te vi giunge l’azzurro del tuo mare ammira e sosta. Il ponte che t’unisce al vecchio borgo superbo s’apre e transita il Vespucci: e bianche vele … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

Tramonto sullo stretto di Messina Mimmo Martinucci

Tramonto sullo stretto di Messina    Mimmo Martinucci Tramonto il sole là, verso Messina col rosso fuoco, come se Vulcano, con l’Etna e lo Stromboli in combina, lanciassero il colore a piena mano. Bagliori arcani di color cangianti, riverberi iridati giù … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

Palindromi – Curiosità letterarie

Palindromi – Curiosità letterarie I Tropici: Mamma, mi ci porti? O Sole giammai geloso Sorelle dell’eros Amo Roma Eco vana voce E se l’apocope è poco palese? E’ fedel, non lede fé I topi non avevano nipoti Palindromi in latino … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

Notte di Luna in Valle d’Itria

  Notte di Luna in Valle d’Itria La Luna, che inargenta i coni bianchi, in Valle d’Itria sembra fare sosta, le sembra al paradiso la risposta, ammira a lungo e par che mai si stanchi. Quei simboli fregiati su pei … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

“Terra dei fuochi”

“Terra dei fuochi”  (Mimmo Martinucci) Versi di Adele Libero Infine udimmo il grido della terra, da quanto tempo urlava ed era muta, chiedeva un respiro più pulito, piangeva la sua carne avvelenata. Qualcuno pretendeva che coprisse le scorie strane e … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

IRIDE

IRIDE  di  Mimmo   Martinucci Fu Iride Taumantia messaggera dall’alto dell’Olimpo in Terra inviata, del ponte della pace fu foriera con stille iridescenti bella e alata. L’arcobaleno è il simbolo del ponte che unisce in un abbraccio terra e cielo, la … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

E come il fiume

E come il fiume   di  Mimmo  marinucci Siccome fiume che riposa appena e poi riprende lesto il suo cammino, a volte vo’ così, con lenta lena, lasciando che il pensier vada lontano. E lungo il fiume sosto per pensare, mi … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

CASO o CAOS ?

CASO o CAOS ?  di Mimmo Martinucci L’abete antico con la chioma detta il ritmo del ponente vento a sera e l’oleandro in fiore fa civetta sporgendosi nel lago a primavera. Le Dolomiti dai crinali rosa, l’immagine riflessa giù nel … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | Lascia un commento

Cammino lento

Cammino lento Cammino lento e penso, mentre dall’alto un raggio sfugge ad un cielo azzurro da nuvole graffiato. Ma il mio penare è dolce perché accetto gli anni che gravi mi rincorrono veloci più dell’ombra. I miei ricordi volano indietro … Continua a leggere

Pubblicato in Tav. Architettoniche in versi | 1 commento