Tramonto sullo stretto di Messina Mimmo Martinucci

Tramonto sullo stretto di Messina    Mimmo Martinucci

Tramonto il sole là, verso Messina
col rosso fuoco, come se Vulcano,
con l’Etna e lo Stromboli in combina,
lanciassero il colore a piena mano.

Bagliori arcani di color cangianti,
riverberi iridati giù nel mare,
raccontan di sirene i naviganti
che a Scilla ed a Cariddi san cantare.

C’è pur Fata Morgana, la divina,
che inganno tende a chi varcare vuole
il mare che da Reggio va a Messina.

Natura a volte esplode nei colori
e stimola emozioni nella mente
che fan vibrar la pelle e pure i cuori.

Questa voce è stata pubblicata in Tav. Architettoniche in versi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *