E come il fiume

E come il fiume   di  Mimmo  marinucci

Siccome fiume che riposa appena
e poi riprende lesto il suo cammino,
a volte vo’ così, con lenta lena,
lasciando che il pensier vada lontano.

E lungo il fiume sosto per pensare,
mi guardo un poco indietro a rivedere
gli inciampi, le cadute e poi partire
con forza ancor più avanti e con vigore.

E come il fiume al mar cerca riposo,
così ho intravisto la mia vera meta:
in cerca di fortuna, qual viandante,
la Conoscenza cerco tra la gente.

Non cerco solamente la Sapienza
che apprezzata è tanto come umana,
ma bramo ritornare alla Semenza,
il cui possesso non è cosa vana.

Questa voce è stata pubblicata in Tav. Architettoniche in versi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *