Che cos’è la Massoneria? e cosa non è

Che cos’è la Massoneria?

  • Un’alleanza di uomini liberi
  • Una via di formazione alla vita
  • Scuola di condotta morale
  • Una fratellanza
  • Un approccio alla modernità
  • Un via spirituale
  • Una società strutturata
  • Una via strutturata
Ciò che la Massoneria non è

  • Una società proselitista
  • Una società elitaria
  • Una società filantropica
  • Una società misogina
  • Una religione o una setta
  • Una società segreta
  • Una società occultista
La Massoneria è prima di tutto un’alleanza di uomini liberi , di ogni confessione e di qualsiasi ceto sociale. Essa poggia sulla tolleranza, la sua ricchezza sta in questa diversità confessionale e sociale che sfocia in una direzione comune: quella di seguire ciascuno il cammino del proprio perfezionamento.

Per far ciò la Massoneria propone ad ogni persona che desidera lavorare su sé stessa, gli arnesi del Simbolismo e della Tradizione. È una scuola di vita e un insegnamento di condotta morale che consentono ad ognuno di provvedere alla propria realizzazione.

È una fratellanza che serve al proprio arricchimento spirituale e permette di trovare risposte concrete ai problemi del nostro tempo grazie alla molteplicità delle singole opinioni. La modernità non richiede più un pensiero monolitico, ma induce a tener conto della complessità e della ricchezza delle nostre relazioni.

È un processo spirituale, strutturato sia in quanto organizzazione sia quale via. L’organizzazione massonica assicura la libertà e l’indipendenza del lavoro di ognuno pur procurando un sostegno collettivo. Il cammino prosegue a tappe e consente un’evoluzione progressiva senza alcuna imposizione.

Grazie a questa mescolanza di libertà individuale e di Tradizione che può anche stupire, la Massoneria è sopravvissuta intatta dal 18mo secolo sino ai nostri giorni, pur rimanendo, nel frattempo, sempre la stessa e mai superata.

Un’alleanza di uomini liberi

È importante coltivare sia la propria libertà quanto quella dell’ altro. Se si rispetta la libertà dell’altro, non solo ci si arricchisce del suo pensiero e delle sue esperienze ma, oltre tutto, si scopre talvolta che le nostre certezze non sono sempre tali. Non si tratta di realizzare un sincretismo di religioni e di umanesimi, ma di aprire il proprio spirito alle diverse culture universali che hanno contribuito all’arricchimento del pensiero umano. Quando si rispetta la libertà dell’altro, si conquista la propria libertà e ciò al di là di ogni schema, delle abitudini e delle credenze da noi adottate quasi inconsapevolmente. L’uomo si affida a tradizioni particolari, nazionali e religiose. Non si tratta nemmeno di rifiutare le proprie credenze ma di assumerle coscientemente e in piena libertà.

Infine, questa libertà si esercita fino al punto che è possibile lasciare la Massoneria in ogni momento se essa non è più compatibile con la propria personalità.

Una via di formazione alla vita

L’unità biologica dell’umanità presuppone l’abolizione del razzismo. Non esistono uomini superiori o inferiori, ma soltanto una grande diversità etnica e culturale, come pure diversi gradi nell’evoluzione delle società umane. Solidale con tutti gli esseri nell’unità cosmica, dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande, l’uomo cosciente si sente unito allo spirito eterno, Anima o Architettura del Cosmo, simbolo della perfezione, senza rappresentazione dogmatica.

Un insegnamento di condotta morale

La parola morale, identificata un tempo col dogmatismo, oggi riappare col nome di etica e assume diversi significati. Nel contesto massonico del perfezionamento individuale, può significare qualche cosa di molto semplice e che fa parte di questo lavoro verso la libertà, vale a dire mettere in accordo i nostri pensieri con i nostri atti. Questo accordo non è facile da realizzare nel contesto della vita contemporanea ed esige coraggio.

Una fratellanza

In questa ricerca di perfezionamento, è importante trovare un assieme di persone che camminino sulla stessa via per scambiare le proprie esperienze, sostenersi a vicenda e sperimentare la virtù della tolleranza. Per questo la Massoneria è una fratellanza sia come conseguenza di questo lavoro in comune, sia come mezzo affinché ognuno proceda nella propria via .Questa fraternità è il vincolo profondo che ci lega agli altri uomini, siano essi Massoni o profani.

Un approccio alla modernità

L’uomo del nostro tempo deve pensare su scala mondiale; deve guardare al di là delle barriere razziali, filosofiche e religiose che dividono gli uomini. Nella mondializzazione attuale il dogmatismo, di qualsiasi specie esso sia, sarà sempre negativo. La Massoneria è un’esperienza che dimostra come l’universalità non è né può essere sinonimo di uniformità, anzi al contrario.

Un processo spirituale

Per poter vincere la scommessa della diversità in armonia, la Massoneria tradizionale fa appello a un principio superiore che trascende la realtà materiale, sociale e religiosa, che certi chiamano “Dio”, altri “Energia” o altro ancora, e che noi, per non lasciarci coinvolgere in dispute sterili chiamiamo Grande Architetto dell’Universo. La combinazione della fede in un principio superiore e un processo di perfezionamento di sé stessi è infatti in senso lato un processo spirituale.

Una società strutturata

I Frammassoni lavorano in Logge che a loro volta fanno parte di Grandi Logge o Grandi Orienti. Ogni Loggia ha un Comitato (chiamato Collegio) e un presidente (detto Venerabile o Maestro in Cattedra), come ogni società. Anche le Grandi Logge hanno un Gran Collegio.

Questa struttura non implica una gerarchia ma un’organizzazione. Il Collegio assume il compito di coordinare i lavori della Loggia, così come le Grandi Logge e i Grandi Orienti non dirigono ma coordinano le attività delle Logge. Per evitare il sorgere di relazioni di potere nel loro seno, i Collegi e i Gran Collegi sono rinnovati obbligatoriamente in modo regolare. Il principio assoluto è: massoni liberi in logge libere. Il Massone deve obbedire a una sola cosa: all’impegno preso verso sé stesso di lavorare al suo perfezionamento nel rispetto della via da lui liberamente scelta.

Una procedura strutturata

La procedura massonica è strutturata in sistemi di gradi: i riti. La ricchezza degli arnesi proposti è immensa e poiché si può avanzare soltanto facendo un passo dopo l’altro, il processo massonico è strutturato in un sistema di gradi che costituiscono altrettanti passi da compiere.

L’aver fatto un passo di più non conferisce superiorità alcuna su coloro che non lo hanno ancora compiuto; ma sussiste semmai il dovere di aiutare gli altri ad andare avanti.

Ogni grado propone un vissuto e dei simboli nuovi sui quali il Massone è tenuto a meditare.

Per dire ciò che la Massoneria non è sarebbe sufficiente dire quello che è. Tuttavia il fatto di non conoscerla crea dei sentito dire sui quali è importante pronunciarsi.

La Massoneria non pratica il proselitismo, altrimenti si saprebbe molto di più sulla sua storia,sugli scopi, ecc.

Essa non è una società elitaria poiché il principale criterio di ammissione è la sincera volontà di perfezionarsi. Essa chiede, sotto l’aspetto finanziario, soltanto la tassa annuale come qualsiasi altra società. Essa non è nemmeno una società filantropica o dedita agli affari come appaiono certi club di servizio.

Malgrado il fatto che molte obbedienze non ammettano le donne, ciò non significa che la Massoneria sia esclusivamente riservata agli uomini. Esistono pure obbedienze femminili e miste.

La Massoneria non è né una religione, né una setta, ma un processo spirituale basato sulla libertà di ognuno e quindi sulla tolleranza reciproca. Essa ammette membri di qualsiasi orizzonte spirituale.

Non è una società segreta poiché essa è un’associazione ufficialmente riconosciuta la cui esistenza e i suoi scopi sono dichiarati pubblicamente.

Essa non è nemmeno una società occultista, poiché i suoi lavori consistono nella riflessione comune dei suoi membri e la divisione di un vissuto comune degli arnesi utilizzati: vale a dire i simboli.

Una società proselitista

La Massoneria non fa proselitismo. Chi si sente chiamato a condividere il cammino dei Frammassoni, lo fa liberamente, senza essere influenzato da nessuno. È tipico che chi diventa Frammassone lo vuole perché sente il bisogno di evolvere in uno spirito di apertura e che questo spirito d’apertura lo ha notato in persone che si sono fatte conoscere come Frammassoni. Un tempo era possibile entrare in Massoneria soltanto con la raccomandazione di un certo numero di Massoni. Oggi non è più il caso.

Una società di “élite”

La Massoneria non può essere una “élite” sociale o economica, poiché la sua ricchezza consiste nella diversità dei suoi membri (e non dal loro portafoglio).

Tuttavia, si chiede alla persona di impegnarsi a lavorare sinceramente al suo perfezionamento. Come conseguenza, la Massoneria non è organizzata come un club di servizio e non è il luogo per praticare amicizie con scopi affaristici.

Sotto l’aspetto finanziario, le tasse annuali non differiscono molto da quelle richieste dalla maggior parte delle società sportive o altre, e non costituiscono un ostacolo per coloro che desiderano sinceramente aderirvi.

Una società filantropica

La Massoneria non è una società filantropica perché essa ha come scopo primario il perfezionamento dei suoi membri. Naturalmente si spera che questo lavoro su sé stessi possa influenzare favorevolmente tutta la società, ma ciò sarà soltanto la conseguenza e non lo scopo in sé. Tuttavia, l’amore per il prossimo significa anche, ma non esclusivamente, pratica della solidarietà.

Una società misogina

La Gran Loggia Svizzera Alpina è effettivamente esclusivamente mascolina, ma ciò non si può dire di tutta la Massoneria. Esistono anche obbedienze esclusivamente femminili e obbedienze miste. Da una parte, la Massoneria affonda le sue radici nelle società di compagnonaggio del Medioevo, e quindi storicamente è l’erede di una tradizione maschile. Dall’altra, il lavoro su sé stessi implica spesso delle sensibilità diverse nell’uomo e nella donna (Gli uomini sono di Marte, le donne di Venere!). Si può quindi scegliere liberamente di condividere questa sensibilità con persone dell’altro sesso e quindi aderire a una Massoneria mista; oppure si può scegliere di vivere separatamente questa esperienza, e allora si può scegliere tra un’obbedienza maschile o femminile, a seconda del proprio sesso.

Né una religione, né una setta

La Massoneria non può essere né una religione, né una setta, altrimenti essa non rispetterebbe lo spirito di tolleranza che le è proprio, né la libertà alla quale ognuno ha diritto. Essa si oppone ad ogni iniziativa tesa a costringere ad aderire ad una qualsiasi opinione, sia politica o religiosa. Tutta l’organizzazione massonica è concepita in modo che ognuno possa tracciare il proprio cammino personale arricchendosi della diversità del vissuto e delle opinioni, ma in nessun caso con l’adesione obbligatoria ad opinioni che pretendono di possedere un’unica verità.

Contrariamente a quanto avviene nella maggior parte delle sette, chi vuole può lasciare la Massoneria.

Effettivamente essa propone un determinato cammino, ma non lo impone e quindi per l’aderente si tratta di una libera scelta. Se ciò non corrisponde ai propri sentimenti, è preferibile dimissionare.

Una società segreta

La Massoneria non è una società segreta: non fa mistero della sua esistenza, né dei suoi scopi. Inoltre la maggior parte dei libri che descrivono i suoi simboli e i suoi riti, si possono trovare nelle librerie. Se noi tentiamo di non divulgare i nostri rituali, è soltanto per evitare che un eventuale candidato alla Massoneria possa vivere preventivamente ciò che è riservato all’iniziazione, nel corso della quale egli potrà comprendere quanto la vita massonica potrà offrirgli.

Il fatto che non sia consentito di dire se una persona appartenga o meno alla Massoneria, significa rispettare la sua libertà, in quanto spetta a lei soltanto di giudicare se sia opportuno scoprirsi o meno, tenendo conto dell’ambiente professionale o sociale in cui vive e della tolleranza che vi è praticata.

Una società occultista

Non bisogna confondere l’occultismo con l’esoterismo. L’occultismo vive di pratiche a carattere più o meno magiche, mentre l’esoterismo (letteralmente: la via interiore) è un procedimento che tien conto del vissuto personale. L’esoterismo si oppone all’essoterismo che è la via esteriore nella quale altri impongono una verità. In questo senso la Massoneria è una società esoterica ma non occultista.

Se essa pratica dei rituali, lo fa per proporre delle esperienze, dei vissuti sui quali il Massone può liberamente meditare e lavorare. Questi rituali sono indispensabili se si vuol evitare che il lavoro sia unicamente intellettuale: non sono le parole che ci consentono di migliorarci ma l’esperienza.

Ciò che la Massoneria può offrire

Se si tiene conto di quanto precede, è facile farsi un’idea di quanto la Massoneria possa dare all’individuo in particolare e all’umanità in generale. Riassumendo, si tratta essenzialmente di una scuola di vita e di apprendimento della libertà considerando tutte le dimensioni dell’individuo: sul piano affettivo grazie alla fraternità, intellettuale, con l’esercizio della tolleranza, e spirituale in virtù della Tradizione e del riferimento a un principio superiore. Essa consente a qualsiasi persona che desideri avviarsi sul cammino difficile del proprio perfezionamento — e insistiamo sul termine di perfezionamento piuttosto che su quello della perfezione, poiché si tratta di una via e non di un obiettivo — e di trovare un’alleanza fraterna con la quale possa confrontare i suoi sforzi e le sue domande. La Massoneria è quindi un luogo dove l’ incontro e il dialogo costruttivo sono possibili nel rispetto delle opinioni altrui e nell’ascolto dell’altro.

Ciò che unisce i Frammassoni è la fede nella perfettibilità di ognuno e il suo possibile irraggiamento sugli altri. Grazie al lavoro del Massone, la Massoneria spera di poter irradiare all’esterno maggior senso di giustizia, tolleranza, carità e amore, con il comportamento attivo e responsabile di ognuno.

 

Website der Logen / Sites web des loges / Sito web delle Logge / Website of the LodgeLoge Nr. 1, “Zur Brudertreue”, Frey-Hérosé-Strasse 12, 5000 AarauKeine Website / No Website: Loge Nr. 2, “La Chrétienne des Alpes”, Rue de Jérusalem 4, 1860 AigleKeine Website / No Website: Loge Nr. 3, “La Constance”, Place du Marché 17, 1170 AubonneLoge Nr. 4, “Freundschaft & Beständigkeit”, Byfangweg 13, 4051 BaselLoge Nr. 5, “Zum Fels am Rhein”, Byfangweg 13, 4051 BaselLoge Nr. 6, “Osiris”, Byfangweg 13, 4051 BaselLoge Nr. 7, “Zur Hoffnung”, Brunngasse 30, 3011 BernKeine Website / No Website: Loge Nr. 8, “Progrès & Vérité”, Avenue de la Gare, 1880 BexLoge Nr. 9, “Etoile du Jura”, Rue du Jura 40, 2502 BienneKeine Website / No Website: Loge Nr. 10, “L’Amitié”, Rue de la Loge 8, 2300 La Chaux-de-Fonds 2Loge Nr. 11, “Libertas & Concordia”, Salis Haus, Masanserstrassse 35, 7000 ChurLoge Nr. 12,“Humanitas,  Scalettastrasse 7, 7270 Davos-PlatzKeine Website / No Website: Loge Nr. 13, “Egalité”, Place d’Armes 17, 2114 FleurierLoge Nr. 14, “Les Amis Fidèles”, Rue de la Scie 4-6, 1207 GenèveLoge Nr. 15, “Cordialité & Vérité”, Rue de la Scie 4-6, 1207 GenèveLoge Nr. 16, “Fidélité & Prudence, Rue de la Scie 4-6, 1207 GenèveKeine Website / No Website: Loge Nr. 17, “Persévérance”, Rue de la Scie 4-6, 1207 GenèveLoge Nr. 18, “Union des Cœurs”, Rue Massot 3, 1206 GenèveKeine Website / No Website: Loge Nr. 19, “Union & Travail”, Rue de la Scie 4-6, 1207 GenèveLoge Nr. 20, “Espérance & Cordialité”, Avenue de Beaulieu 17, 1004 LausanneLoge Nr. 21, “Liberté”, Avenue de Beaulieu 17, 1004 LausanneLoge Nr. 22, “Le Progrès”, Avenue de Beaulieu 17, 1004 LausanneKeine Website / No Website: Loge Nr. 23, “Les Vrais Frères Unis”, Rue des Envers 37, 2400 Le LocleKeine Website / No Website: Loge Nr. 24, “Il Dovere”,  Via Pretorio 20, 6900 LuganoLoge Nr. 25, “Fiat Lux”, Murbacherstrasse 15, 6003 LuzernKeine Website / No Website: Loge Nr. 26, “Les Amis Discrets”, Rue du Port 11, 1815 ClarensKeine Website / No Website: Loge Nr. 27, “La Bonne Harmonie”, C.P. 744, 2000 NeuchâtelKeine Website / No Website: Loge Nr. 28, “La Vraie Union”, Rue Delafléchère 2, 1260 NyonLoge Nr. 29, “La Tolérance”, Rue du Gravier 20, 2900 PorrentruyLoge Nr. 30, “Concordia”, Spisergasse 42 / Schlössli, 9004 St. GallenKeine Website / No Website: Loge Nr. 31, “Bienfaisante & Fraternité”, Rue du Midi 20, 2610 Saint-ImierLoge Nr. 32, “Phoenix”, Postfach 2167, 3601 ThunLoge Nr. 33, “Constante & Avenir”, Rue des Bosquets 33, 1800 VeveyLoge Nr. 34, “Akazia”, Schwalmenackerstr. 7, 8401 WinterthurLoge Nr. 35, “La Fraternité”, Rue Pestalozzi 7, 1401 YverdonLoge Nr. 36, “In Labore Virtus”, Lindenhof 4, 8001 ZürichLoge Nr. 37, “Libertas & Fraternitas”, Lindenhof 4, 8001 ZürichLoge Nr. 38, “Modestia cum Libertate”, Lindenhof 4, 8001 ZürichKeine Website / No Website: Loge Nr. 39, “Sapere Aude”, Lindenhof 4, 8001 ZürichLoge Nr. 40, “Masonry Universal Lodge”, Rue Massot 3, 1206 GenèveLoge Nr. 41, “Bon Accord”, Postfach 6202, 3001 BernLoge Nr. 42, “Humanitas in Libertate”, Spisergasse 42 / Schlössli, 9004 St. GallenLoge Nr. 43, “Cosmopolitan Lodge”, Lindenhof 4, 8001 ZürichLoge Nr. 44, “Catena Humanitatis”, Lindenhof 4, 8001 ZürichKeine Website / No Website: Loge Nr. 45, “Lux in Tenebris”, C.P. 218, 1110 MorgesLoge Nr. 46, “Tolérance & Fraternité”, Rue Massot 3, 1206 GenèveLoge Nr. 47, “Panta Rhei”, Byfangweg 13, 4051 BaselKeine Website / No Website: Loge Nr. 48, “Les Amis Sincères”, Epinassey, 1890 Saint-MauriceLoge Nr. 49, “Pensée & Action”, Avenue de la Gare, 1880 BexLoge Nr. 50, “La Régénérée”, C.P. 1282, 1700 FribourgLoge Nr. 51, “Tradition”, Avenue de Beaulieu 17, 1004 LausanneKeine Website / No Website: Loge Nr. 52, “Post Tenebras Lux”, Lindenhof 4, 8001 ZürichKeine Website / No Website: Loge Nr. 53, “Labor & Perfectio”, Route de Colovrex 25, 1218 Grand-SaconnexLoge Nr. 54, “Prometheus”, Ischernstrasse 25, 4528 ZuchwilLoge Nr. 55, “Zur Dreiländerecke”, Byfangweg 13, 4051 BaselLoge Nr. 56, “Aurora Humanitatis”, Lindenhof 4, 8001 ZürichKeine Website / No Website: Loge Nr. 57, “St. Johann am Rhein”, Schützengraben 11, Postfach 456, 8200 SchaffhausenLoge Nr. 58, “Brenno Bertoni”, Via Pretorio 20, 6900 LuganoKeine Website / No Website: Loge Nr. 59 “Veritas”, Via Rovedo 9 c, 6600 LocarnoLoge Nr. 60, “Signa Hominis”, Hotel Arizona, via Trevano 63, 6900 LuganoLoge Nr. 61, “Trismégiste”, Avenue de Beaulieu 17, 1004 LausanneKeine Website / No Website: Loge Nr. 62, “Les Frères Inconnus”, Avenue de Beaulieu 17, 1004 LausanneKeine Website / No Website: Loge Nr. 63, “Helvetia”,  C.P. 1776, 6501 BellinzonaLoge Nr. 64, “Zu den Sieben Rosen”, Byfangweg 13, 4051 BaselLoge Nr. 65, “Bauplan”, Spisergasse 42 / Schlössli, 9004 St. GallenKeine Website / No Website: Loge Nr. 66, “Flumen Fraternitatis”, Rue de l’Athénée 12b, 1205 GenèveKeine Website / No Website: Loge Nr. 67, “Grévîre”, C.P. 136, 1630 BulleKeine Website / No Website: Loge Nr. 68, “Wahrheit in Liebe”, Greuterhof, 8546 IslikonLoge Nr. 69, “Pythagore”, Place du Marché 17, 1170 AubonneLoge Nr. 70, “EÔS”, La Ferme du Désert, Chemin de Pierrefleur 74, 1004 LausanneKeine Website / No Website: Loge Nr. 71, “Saint-Jean du Léman”, Rue Louis-de-Savoie 26, 1110 MorgesLoge Nr. 72, “Lux post Meridiem”, Rue de l’Athénée 12b, 1205 GenèveLoge Nr. 73, “More Majorum”, Route des Neigles 33, 1709 FribourgKeine Website / No Website: Loge Nr. 74, “Vitae Arbor”, Rue de la Scie 4-6, 1207 GenèveKeine Website / No Website: Loge Nr. 75, “La Parole de Vie”, Rue de l’Athénée 12B, 1205 GenèveLoge Nr. 76, “René Guénon”, Av. de Beaulieu 17, 1004 LausanneLoge Nr. 77, “Caledonia”, Heptagone, ch. du Chêne 7d, 1020 RenensKeine Website / No Website: Loge Nr. 78, “Zur Windrose”, Ratellerstrasse 25, 7320 SargansLoge Nr. 79, “Weg zur Wahrheit”, Gasthof Rössli Krempraten, Zürcherstrasse 96, 8640 Rapperswil
Home Forum eMail segretario  eMail Webmaster
Calendrier delle Logge (to top)
Gran Loggia Svizzera Alpina
Rue du Petit-Beaulieu 1, CH-1004 Lausanne

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Simbologia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *