Istruzioni ai Fr.·. Apprendisti

Istruzioni ai Fr.·. Apprendisti

Parte 1

 

 

Abbiamo un posto nella storia?
La nostra Istituzione è una scuola di esoterismo, filosofia, riflessione, ma la storia ci insegna e ci dona la memoria fisica degli eventi nel loro rapporto diacronico nel tempo e con il tempo.
Quindi i nostri momenti di “istruzione” deve possono passare il primo filtro: quello della storia.
E la nostra ha un inizio nobile: il IV sec. A.C. a Crotone, Pitagora e la sua scuola esoterica. Questa era organizzata come una vera e propria società segreta, con i suoi riti ed il suo simbolismo. Era assai difficile essere scelti come iniziandi, ma quando l’aspirante finalmente veniva prescelto per essere iniziato doveva attraversare un percorso di riflessione che aveva un suo significato e che oggi riportiamo alla simbologia delle prime fasi del rito di iniziazione.
Ascoltate, fratelli: l’aspirante, per accedere al sodalizio doveva trascorrere un’intera notte in una caverna buia posta fuori dell’abitato; il profano trascorre un tempo all’interno del gabinetto di riflessione, antro simbolicamente buio ma fucina della nuova luce. Superata questa prima esperienza l’aspirante pitagorico veniva rinchiuso per un giorno in un ambiente, dove risolvere alcuni enigmi, e nel quale aveva solo il pane e l’acqua come nutrimento. Anche il profano deve rispondere a quesiti di carattere etico, il “testamento” che verrà poi letto ed approvato in officina, e, ricordiamo, sul tavolo del gabinetto di riflessione, alcuni oggetti dal profondo significato simbolico, compreso un tozzo di pane secco e l’acqua di fonte.
Infine i rumori dei metalli ed il clamore della vita profana che il profano, ancora bendato, ascolta all’inizio dei suoi viaggi nel tempio, erano simili alla simbolica ilarità cui l’aspirante era sottoposto al primo ingresso nell’aula dove i pitagorici già iniziati erano riuniti e lo accoglievano.
Ed allora, fratelli, diamo il giusto valore alla simbologia, quale contenitore di un messaggio e portatore di profondi significati, attraverso il tempo e la storia, sia nella verticale dei secoli e dei millenni, che nell’orizzontale dei popoli e delle culture, pur differenti fra di loro ma accomunati nel rispetto di valori dalle simbologie sovrapponibili.
Nella nostra Istituzione, in questo tempio, indosso ai nostri abiti profani, tutto è un simbolo. Ed attraverso questi simboli faremo insieme un percorso di informazione e di conoscenza.

Questa voce è stata pubblicata in Iniziazioni. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *